1. Editoriale del presidente

Il XX Congresso Nazionale…

Il metodo, si sa, non è estraneo o indifferente rispetto all’oggetto ch’è chiamato a indagare. Anzi, va euristicamente ma intenzionalmente misurato su di esso. Lo intuiva Aristotele, dicendo che la verità s’è fatta essa stessa strada verso di noi. E Gesù intensifica e determina l’intuizione che regge ogni ricerca umana là dove, in forma icastica, identifica in sé la via e la verità che dinamicamente sostanziamo e articolano la vita, nel gioco indissolubile di grazia e libertà.
Da ciò deriva, in particolare, quel concetto di verità ch’è proprio dell’intelligenza cristiana. Esso ha certo conosciuto degli alti e dei bassi, nella vicenda dell’autocoscienza e dell’autoconfigurazione della Chiesa lungo i secoli. E del resto c’è da credere che quest’istanza, dietro le evidenti derive, sia al lavoro nel più profondo del travaglio culturale che agita il nostro tempo.
Il Concilio Vaticano II – e ciò, al di là delle ben note querelles, è a mio avviso l’intuizione preziosa che ha animato l’instancabile attività di uno studioso rigoroso e appassionato come Giuseppe Alberigo – rappresenta per la Chiesa cattolica il guadagno consapevole di questa prospettiva. Fuori del suo farsi storicamente evento per noi la verità di Gesù è muta e resta inattiva.
Un punto di non ritorno, dunque: che, come tale, va sviscerato, declinato e assunto con pertinenza nelle sue costitutive implicazioni. Qui si giocano, tra l’altro, l’incisività e il futuro della teologia. C’è da augurarsi che, nel suo piccolo, il XX Congresso dell’ATI segni una tappa di questo cammino.

Piero Coda

2. Notizie dall’associazione

     

  • Programma definitivo del XX Congresso Nazionale: L’identità e i suoi luoghi. L’esperienza cristiana nel farsi dell’uomo
  • Venerdì 15 giugno u. s. è morto a Bologna all´età di 81 anni il prof. Giuseppe Alberigo. Allievo di Delio Cantimori e Hubert Jedin, per numerosi anni svolse la sua docenza in Storia della Chiesa alla facoltà di Scienze politiche dell’Università di Bologna. Con il cardinale Giacomo Lercaro e don Giuseppe Dossetti, Alberigo diede un contributo significativo alla stagione del dibattito conciliare, con la fondazione dell´Istituto per le scienze religiose «Giovanni XXIII» e l’iniziativa editoriale della Storia del Concilio Vaticano II (5 voll., Il Mulino, Bologna 1995-2001). Fra i tanti titoli, egli è anche socio dell’Associazione Teologica Italiana. Per questo motivo, acquista un valore particolare il ritratto spirituale del professor Alberigo tracciato nell’omelia funebre dall’amico don Pino Ruggieri (che ringraziamo per aver acconsentito alla divulgazione del testo fra i soci dell’ATI).

  • Venerdì 13 luglio Mons. Franco Giulio Brambilla, socio e membro del Consiglio di Presidenza, è stato nominato Vescovo ausiliare di Milano. Ci rallegriamo con lui e con la Chiesa milanese e auguriamo un fecondo lavoro che possa animare con la teologia teologia la pastorale e con la sollecitudine pastorale la teologia.

3. Attualità ecclesiale

4. Notizie dai soci

5. In libreria